19° SALONE DELLE ECCELLENZE ENOGASTRONOMICHE DEI TERRITORI

IL BONTÀ, PRESENTATA A PALAZZO PIRELLI L’EDIZIONE 2024

Milano, 30 gennaio 2024 – È stata presentata questa mattina  a Palazzo Pirelli la diciannovesima edizione del BonTà, il salone delle eccellenze enogastronomiche Made in Italy in programma a CremonaFiere dal 24 al 26 Febbraio 2024. Alla conferenza stampa hanno partecipato Guido Guidesi, Assessore allo Sviluppo economico Regione Lombardia; Barbara Manfredini, Assessore al Turismo, Commercio e Sicurezza Comune di Cremona; Massimo Rivoltini, Presidente Nazionale Confartigianato alimentare; Roberto Biloni, Presidente CremonaFiere; Stefano Pelliciardi, Amministratore SGP Grandi Eventi; Francesca Ferrari, Event Manager VALe20.

Cremona con diverse manifestazioni ormai si attesta come città ideale per l’organizzazione per diversi motivi– ha spiegato Stefano Pelliciardi-. Formaggi e sorrisi, la festa del salame, la festa della mostarda, la festa del torrone e il BonTà attraggono migliaia di visitatori in città per la collocazione geografica strategica, poiché è facilmente raggiungibile da città vicine non solo della Lombardia, ma anche  perché questo territorio è sensibile a manifestazioni di questo tipo. Prova ne è il successo degli eventi compresi quelli ospitati nel quartiere fieristico di Cremona, che è uno dei più prestigiosi della Lombardia ed è il secondo come estensione. L’edizione 2024 del  BonTà presenta numerose conferme ma altrettante novità. Rimane una vetrina delle eccellenze enogastronomiche italiane, con la possibilità di acquistare anche proposte di nicchia che vanno ad arricchire uno straordinario patrimonio per tutto il comparto agroalimentare italiano. In secondo luogo, rimane una manifestazione rivolta sia ai consumatori che agli operatori, quindi va a colmare un evidente vuoto di mercato. Tra le principali novità di quest’anno la possibilità di lavorare tanto sulla qualità, selezionando aziende che rispondono ad elevati standard qualitativi e non solo quantitativi. Poi si è anche ampliata la fascia serale del sabato fino alle 22, cercando di aumentare la presenza e la durata dei visitatori. E per ultimo  abbiamo diversificato l’offerta organizzando una manifestazione collaterale, Gusto Divino, rivolta al comparto enologico, oltre a Tour del gusto un evento dove vengono presentati i prodotti, le tipicità, i territori e le tradizioni”.

“Regione Lombardia sostiene l’evento – ha dichiarato l’Assessore Guido Guidesi perché manifestazioni così importanti possano essere un’opportunità per visitare i territori in cui si svolgono, come Cremona, la sua provincia in questo caso specifico e i commercianti e artigiani al fine di valorizzare le peculiarità di ogni singola realtà. Con la ‘Fiera Il Bontà’ si dà risalto ai settori dell’agroalimentare e del turismo mentre altri eventi valorizzano settori diversi. Eventi che si  innovano e si rinnovano e che hanno la forza di valorizzare l’importanza della tradizione anche per le nuove generazioni”.

CremonaFiere, secondo polo fieristico di Lombardia – ha dichiarato l’Assessore Barbara Manfredini– si rinnova nelle iniziative e crea nuove occasioni di incontro tra domanda e offerta per gli operatori del settore, artigiani e imprese, offrendo un fitto calendario di proposte con importanti ricadute economiche in termini di promozione del territorio e delle sue peculiarità e  di accoglienza e promozione turistica sempre in sinergia e con il monitoraggio  del Comune di Cremona. La manifestazione si è spostata all’inizio anno arricchendo le proposte del comparto fieristico e fungendo da driver per le iniziative dell’anno in corso in particolare sul tema dell’enogastronomia con il coinvolgimento delle aziende del nostro territorio che raccontano lo sviluppo e la ricerca tra nuove sfide e sostenibilità condotte anche da realtà accademiche come il Cremona Food Lab, polo tecnologico per le imprese del settore agroalimentare dell’Università Cattolica del Sacro Cuore ulteriormente confermate dalla convezione tra Comune, CCIAA, Provincia di Cremona, Istituto Gregorio XIV e l’università 

Cattolica per il consolidamento di un sistema integrato di ricerca e innovazione aziendale in ambito agri-food”.

Il BonTà è organizzato da 19 anni da CremonaFiere. “Vogliamo portare avanti un messaggio di aggregazione– ha dichiarato Roberto Bilonila fiera di Cremona deve essere la fiera di tutti, di chi sente proprio il territorio con la volontà di promuoverne le eccellenze. In questa manifestazione verranno esposti prodotti artigianali e di qualità provenienti da tutta Italia. La nostra fiera sta portando dei grandissimi risultati grazie al legame con i territori della Lombardia e dell’Italia intera”.

Quest’anno il BonTà – ha detto Massimo Rivoltini–  è una sfida che lanciamo ma che gode  di alcune condizioni favorevoli, prima tra tutte tutto il lavoro di squadra che si sta facendo sul territorio. Si è deciso di spostare a febbraio l’evento portando dentro attori importanti. Come Confartigianato stiamo seguendo una linea negli ultimi anni che è quella di coinvolgere i nostri commercianti in contesti nazionali, è l’inizio di un percorso che porterà a grandi risultati perché non raccontano solo prodotti, ma storie di  famiglie e territori”. Tra le novità di quest’annola collaborazione con Vale20 per l’area Gusto DiVino, il mercato dei vini con un’area interamente dedicata agli amanti del vino, sommelier e operatori del settore dove poter degustare, scoprire e acquistare direttamente dal produttore svariate tipologie di vini provenienti da tutta Italia. “Collaboriamo con l’organizzazione del BonTà che porterà da parte nostra il settore del beverage – ha concluso Francesca Ferrari- per far scoprire oltre 100 piccole e medie imprese del settore provenienti da tutta Italia”.

Correlati